Bonifiche, Casartigiani: “Al cimitero Taranto stop sepolture”

124 Visite

 “Senza bonifiche non c’e’ piu’ spazio per accogliere nuove sepolture nel cimitero San Brunone di Taranto”. E’ quanto riferiscono le società di mutuo soccorso aderenti a Casartigiani, che, in rappresentanza della categoria dell’indotto cimiteriale, ha chiesto al prefetto di Taranto Demetrio Martino un incontro urgente per discutere e individuare una soluzione al problema.

“Come abbiamo più volte segnalato e sollecitato alla direzione Ambiente del Comune di Taranto – spiega il segretario provinciale di Casartigiani Stefano Castronuovo le nostre imprese, ognuno per sua competenza, riscontrano notevoli difficoltà nel garantire i servizi di estumulazione delle salme, a causa dell’interdizione delle aree non pavimentate, i cosiddetti ‘campi francesi’, che sarebbero dovuti essere oggetto di bonifica”. Nel giugno scorso il prefetto firmo’ un provvedimento con il quale annullava in autotutela il progetto esecutivo, il disciplinare di gara e l’appalto. Mentre “si accumulano ancora ritardi per l’avvio dei lavori – aggiunge Antonello Pignatelli in rappresentanza delle società di mutuo soccorso – noi continuiamo a lavorare con estrema difficoltà. Siamo costretti a riposizionare le salme nei loculi e non abbiamo di conseguenza la disponibilita’ di nuovi posti cimiteriali. Chiediamo percio’ al prefetto Demetrio Martino, in qualità di Commissario straordinario per le bonifiche, di fornirci chiarimenti in merito”.

Promo