Movimento Nazionale: “Nei ristoranti i poliziotti, dagli spacciatori Brumotti”

83 Visite

La Rete dei Patrioti, con l’affissione di decine di striscioni in tutta Italia, intende dire la sua sulla situazione generale ed attuale. La loro accusa? Quella di un governo poco vigile su quanto accade nel paese. 

Mentre entra in vigore il Super Green Pass – si legge nella nota  – per il momento dal 6 dicembre al 15 gennaio, ma è evidente il tentativo in atto di normalizzare e rendere permanenti quelle che all’inizio venivano presentate come misure transitorie ed emergenziali – in tutto il paese continuano a susseguirsi gravissimi episodi di criminalità diffusa, spesso e volentieri legata a doppio filo con l’immigrazione da Africa e Medio Oriente. Dai centri di spaccio che non hanno mai cessato le attività nonostante diversi mesi di dure restrizioni alla circolazione fino ai gravissimi episodi di violenza e stupro avvenuti sui treni e nelle stazioni della Lombardia, proprio in quei mezzi di trasporto pubblico che sono ora tutti gravati dall’obbligo di esibire l’infame “certificazione verde”. Forze dell’ordine impiegate a controllare il Green pass, con la totale e proverbiale mancanza di elasticità degna di funzionari della DDR (come nel caso dei disabili già multati sui mezzi di trasporto pubblico nelle ultime ore), mentre a controllare le piazze e i luoghi dello spaccio rimane solo il famoso inviato di Striscia la Notizia, che da tempo corre i rischi che le autorità non vogliono più correre”. 


Promo