Crif, aumentano dell’8,7% frodi creditizie con furto d’identità

97 Visite

Crescono, nel primo semestre del 2021, le frodi creditizie compiute attraverso il furto di identità.

E’ quanto emerge dall’ultimo aggiornamento dell’Osservatorio su fenomeno realizzato da Crif-MisterCredit secondo cui, rispetto al 2020, l’incremento è stato dell’8,7% con 12.917 casi complessivi di illecito utilizzo di dati personali e finanziari – al fine di ottenere credito o acquisire beni – per un danno stimato di 63 milioni, in calo rispetto ai 65 milioni dell’anno precedente ma solo perché – viene osservato – il valore medio delle frodi si è attestato a 5.168 euro contro i 5.792 euro del 2020.

“Con il consolidamento della ripresa – osserva Beatrice Rubini, direttore della linea Mister Credit di Crif – sono ripartiti anche i prestiti a sostegno dei consumi e, purtroppo, anche le frodi creditizie. A fronte di una maggiore difficoltà a effettuare frodi fisiche in banca o presso gli sportelli fisici, lo sviluppo dell’e-commerce ha contribuito alla crescita dei casi perpetrati sui canali virtuali, dove le verifiche possono essere meno efficaci”.

Secondo l’Osservatorio la maggioranza delle vittime è rappresentata da uomini, nel 64,1% dei casi la a classe di età in cui si concentra il maggior numero di casi è quella compresa tra i 18 e i 30 anni con il 24,2% del totale.

Riguardo la regione di residenza delle vittime la maggiore incidenza dei casi si registra in Campania (con quasi 1.900 casi), Lombardia (oltre 1.500), Sicilia (circa 1.400) e Lazio (piu’ di 1.300).

Il maggior incremento rispetto allo scorso anno si registra in Calabria (+30,9%) seguita da Puglia (+23,5%) e Campania (+ 12,6%).

Il prestito finalizzato, seppur continui ad essere la tipologia di finanziamento maggiormente coinvolto nei casi di frode con il 43,1% del totale, fa segnare un calo del -14,4% rispetto allo stesso periodo del 2020.

Aumentano invece i casi di frode che interessano le carte di credito (+32,2%), che arrivano a rappresentare oltre un quarto del totale dei casi registrati nel periodo di osservazione (il 26,7%).

Per quanto riguarda i tempi di scoperta, da un lato il 52,5% dei casi viene scoperto entro 6 mesi, dall’altro lato continuano a emergere casi di frode messi in atto addirittura dopo cinque anni, che rappresentano il 22% del totale.

Promo