Cis Taranto, ex sindaco Melucci: “No passi indietro su finanziamenti”

107 Visite

“Il tavolo del Cis si riunisce oggi senza un interlocutore politico del Comune di Taranto, e ci preoccupa molto che si parli di riprogrammazione, con rischio di definanziamento, di alcuni grandi attrattori come l’acquario green (collegato al santuario dei cetacei) e l’investimento del gruppo Ferretti. Queste scelte negative, peraltro, stanno maturando in contrasto con le stesse osservazioni della Regione Puglia sull’argomento”. Cosi’ l’ex sindaco di Taranto Rinaldo Melucci in merito alle polemiche sul possibile definanziamento dei progetti per l’insediamento del gruppo Ferretti e per l’acquario green.

Al momento al Comune di Taranto c’e’ il commissario prefettizio Vincenzo Cardellicchio, nominato dopo lo scioglimento anticipato dell’assise cittadina in seguito alle dimissioni di 17 consiglieri. “Avevamo individuato questo rischio – aggiunge Melucci – nei giorni scorsi: mentre qualcuno era impegnato a mistificare sui compiti di sindaco e giunta, a Roma altri ci preparavano questa amara sorpresa. E’ evidentemente scaduta in gran fretta l’attenzione del Governo su Taranto, come dimostra anche il silenzio calato sul nuovo piano industriale dello stabilimento siderurgico, la scomparsa dall’ordine del giorno del tavolo del Cis delle coperture finanziarie per i Giochi del Mediterraneo e, in ultimo ma non meno importante, la mancata individuazione di un nuovo commissario straordinario per fare finalmente partire le bonifiche del territorio ionico, a cominciare dal Mar Piccolo”.

“Ci auguriamo – conclude Melucci – che, in caso di riprogrammazione, quelle risorse comunque destinate a Taranto non vengano definitivamente cancellate”.

Promo