Sanita’: in Puglia parte screening Sma, ‘e’ la prima regione’

135 Visite

E’ partito oggi in Puglia lo screening obbligatorio Sma, l’atrofia muscolare spinale, per tutti i neonati: la prima ad essere stata sopposta all’esame e’ una bimba, risultata negativa. La notizia e’ comunicata dal presidente della commissione regionale Bilancio e programmazione, Fabiano Amati (Pd), promotore della legge sullo screening obbligatorio. “Siamo la prima e l’unica regione italiana ad averlo – sottolinea – da questo momento ci sara’ un prima e un dopo, un tornante storico, e non vedremo piu’ i casi terribili di diagnosi tardiva e di difficolta’ nell’erogare le cure piu’ avanzate. Dedico il risultato a Melissa, grande condottiera di innovazione, e ai componenti del team di cuore Federico, Giovanni, Marco e Paolo. Piangiamo di gioia”. In tutto oggi sono stati sottoposti all’esame 12 neonati, tutti risultati sani. “In questi mesi – prosegue Amati – abbiamo sentito dire tante volte che la diagnosi precoce e in fase asintomatica offre migliori possibilita’ di riuscita delle terapie piu’ innovative. E chissa’ quante volte ci siamo mangiati le mani pensando che disponiamo di queste tecnologie da anni e pero’ non riusciamo a introdurle, facendo pagare un prezzo altissimo ai bimbi nati con la Sma e alle loro famiglie. Una legge breve e semplice, invece, e’ riuscita a realizzare in Puglia cio’ che dovrebbe esserci in ogni regione italiana”.

Promo